Home
Pagina iniziale
Smeta li rovinjskom HDZ-u „La viecia batana“?! PDF Stampa E-mail
Giovedì 04 Maggio 2017 18:47

Dana 21. travnja 2017. godine, održana je pressica na kojoj je general Serđo Rabar, predsjednik rovinjskog HDZ-a, naveo u kratkim crtama svoj životopis, obrazložio razloge svoje kandidature za funkciju gradonačelnika Rovinja te neke od programskih ciljeva (vidi: http://www.glasistre.hr/vijesti/pula_istra/serdjo-rabar-kandidat-za-gradonacelnika-rovinja-549147).

Govoreći o svom programu naglasio je da će se zalagati, među inim, citiram: „da se Rovinju povrati identitet grada s većinskim hrvatskim narodom koji se izgubio“.

Leggi tutto...
 
Rovinjski SDP je neozbiljan i neodgovoran PDF Stampa E-mail
Venerdì 21 Aprile 2017 06:58

Kako dani prolaze to sve više uviđam u kojoj se mjeri rovinjski SDP srozava, koliko radi protiv samoga sebe i ne uviđa da to čini. Kronološki ću istaknuti javne nastupe i diletantna ponašanja radi kojih su se sama od sebe nametnula pitanja: koliko je to uopće ozbiljna i odgovorna stranka? je li to stranka koja bi vodila grad koji je izrastao u civiliziranu i rado posjećenu destinaciju, grad koji je i komunalno i infrastrukturno uređen, grad koji je postao brand? jesu li to predstavnici stranke koja je druga po snazi na nacionalnom nivou? No, počnimo redom.

1. Dana 15. ožujka 2017. godine, na radiu „Rovinj FM“, u emisiji „Bez cenzure“ gostovao je kandidat rovinjskog SDP-a  za gradonačelnika (poslušaj: https://www.mixcloud.com/rovinjfm/bez-cenzure-15032017-gost-klaudio-poropat/). Naslušao sam se svega i svačega, ali me i dalje uspjevaju neke stvari iznenaditi, pače šokirati! Konkretno, vezano uz radijsku emisiju smatram potrebnim istaknuti da je, najblaže rečeno, degutantna i neprihvatljiva terminologija koju je SDP-ov kandidat koristio govoreći o gradu u kojem je odrastao i u kojem živi, kao npr.: „biti će krvi do koljena“, „grad je sinergija negativnosti“, sveprisutan „strah i odmazde“, „neprijatelji“, „policijska država“, „represivni aparat“, „dobio je kacavide u bubrege“ … . Navedeni izrazi i metafore označavaju same po sebi razinu (ne)pripremljenosti i (ne)humanosti te stupanj nedostatne dosegnute civilizacijske svijesti osobe koja ih je izgovorila, a iste svakako ne odražavaju ono što se očekuje od gradonačelnika, odnosno osobe koja bi trebala predstavljati na dostojanstven i ponosan način svoju zajednicu.

Slažem se, doduše samo djelomično, sa jednom jedinom ali opetovano izgovorenom rečenicom kandidata SDP-a i to onom u kojoj tvrdi da se kandidirao jer je „dovoljno blesav“. S time se doista tek djelomično slažem jer nakon što sam poslušao radijsku emisiju i njegove bedastoće, odnosno mišljenja o svom gradu, čini mi se da se kandidirao jer je „neizmjerno blesav“.

Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Aprile 2017 08:28
Leggi tutto...
 
In Croazia operano soltanto 3 Comunità degli Italiani – Zajednice Talijana (Rovigno, Fiume e Crassiza) e ben 42 Zajednice Talijana – Comunità degli Italiani PDF Stampa E-mail
Mercoledì 22 Marzo 2017 18:35

Ai sensi dell’articolo 55, comma 1, della Legge sulle associazioni (“Gazzetta ufficiale” n. 74 del 18 giugno 2014), le associazioni avevano l’obbligo di adeguare i propri Statuti a tale Legge entro un anno dall’entrata in vigore della stessa e, in merito, di presentare la richiesta per l’iscrizione delle modifiche all’ufficio competente, ossia fino al 1° ottobre 2015.

Stando ai dati riportati nel Registro delle associazioni (vedi: https://registri.uprava.hr/#!uvid), sono 45 le Comunità degli Italiani che, nei termini di legge, hanno presentato la richiesta per l’iscrizione delle modifiche al proprio Statuto presso l’ufficio statale competente. A oggi, le richieste di 22 Comunità degli Italiani (riportate qui di seguito al punto I) sono state evase positivamente dall’ufficio statale competente, mentre 23 richieste (riportate qui di seguito al punto II) sono ancora in fase di risoluzione. 

Leggi tutto...
 
Li soprani der monno vecchio (I sovrani del mondo antico) PDF Stampa E-mail
Martedì 28 Febbraio 2017 20:23

Il 21 gennaio 1832, Giuseppe Gioacchino Belli ha composto in dialetto romanesco il sonetto “Li soprani der monno vecchio” (I sovrani del mondo antico), che è riportato qui di seguito. Come riporta “wikipedia” (vedi: https://it.wikipedia.org/wiki/Li_soprani_der_monno_vecchio), “il breve contenuto mostra satiricamente, ma in maniera reale, la situazione italiana del 1800. Tuttavia Belli, analizzando gli aspetti crudi e rozzi della politica del suo tempo, analizza una situazione che può ricollegarsi a qualsiasi momento storico dell’Italia. Belli nella frase «Io sò io, e voi nun zete un cazzo», analizza la particolare e mediocre condizione del popolino italiano di fronte ai potenti, il quale, a causa della sua stessa scelta di voler essere sottomesso, si ritrova sempre a subire e a tenere il capo chino. Tuttavia il sonetto, se interpretato più ampiamente, può riguardare anche qualsiasi altro popolo che è governato da istituzioni corrotte. Come dice nel sonetto l’autore, chi non è Papa, Re o Imperatore nella società, non conta nulla, e nell’editto l’anonimo Re obbliga il popolo a obbedirgli, dacché lui ha diritto di vita e di morte su ogni uomo. In sostanza la critica di Belli è rivolta al popolo romano e italiano, che accetta i soprusi con fiducia, come se non avesse alternative di riscatto”.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Chi e' Online

 44 visitatori online
hrvatskiitaliano

Manifesti

Login



Vox populi

Il sito web è indipendente, in costante aggiornamento e soggetto ad ampliamento. Questo spazio è libero, gratuito e a disposizione di tutti coloro che vogliono rendere pubblica la propria opinione e che, purtroppo, non sono riusciti ad ottenere un riscontro positivo da parte dei mezzi d'informazione presenti sul territorio istro-quarnerino.

I pareri, le proposte, le idee, i commenti vanno inviati alla seguente e-mail:

voxpopuli@silvanozilli.com

 


Get the Flash Player to see this player.