Home Appunti - Bilješke Relazione sul lavoro svolto presso il Centro di ricerche storiche (ottobre 2006 – ottobre 2010)
Relazione sul lavoro svolto presso il Centro di ricerche storiche (ottobre 2006 – ottobre 2010) PDF Stampa E-mail
Scritto da Silvano Zilli   
Lunedì 15 Novembre 2010 00:00
I. In qualità di redattore editoriale (lavoro che comprende le seguenti attività: leggere i manoscritti pervenuti; selezionare i manoscritti meritevoli di pubblicazione e deciderne la pubblicazione con il direttore; suggerire agli autori eventuali modifiche da apportare al testo; preparare i manoscritti per la stampa conformi alle norme redazionali; segnare gli errori di battitura, punteggiatura e impaginazione a lato delle pagine utilizzando i simboli standard per la correzione di tre “giri di bozze”, ossia della stampa di due bozze e della cianografica), ho contribuito alla realizzazione delle seguenti pubblicazioni:
1. “Ricerche sociali” n. 14 (2006), 4 saggi scientifici, 143 pagine stampate;
2. “Ricerche sociali” n. 15 (2007), 5 saggi scientifici, 166 pagine stampate;
3. “Ricerche sociali” n. 16 (2009), 6 saggi scientifici, 175 pagine stampate;
4. “Ricerche sociali” n. 17 (2010), 5 saggi scientifici, 140 pagine stampate;
5. “Etnia X” (2008) – Ezio e Luciano Giuricin, La Comunità Nazionale Italiana (1944-2006), 2 volumi, 640+416 pagine stampate;
6. “Etnia XI” (2010) – Andrea Debeljuh, Modello di formazione extrascolastica per la minoranza italiana in Croazia, 208 pagine stampate;
7. “Etnia XII” (2010 – Aleksandro Burra, L’identità minoritaria nel nuovo contesto regionale, con particolare riferimento alla minoranza italiana in Istria e Quarnero, 332 pagine stampate;
8. “Etnia XIII” (2011) – Federico Simcic, L’italiano in Istria:strutture comunicative, correzione del manoscritto di 320 pagine;
9. “Documenti X” (2010) – Giovanni Radossi, Documenti dell’Unione degli Italiani dell’Istria e di Fiume (gennaio 1947 – maggio 1948), correzione del manoscritto di 486 pagine.
Stando ai dati sopra riportati si tratta complessivamente di 3.026 pagine.
II. In qualità di autore sto per portare a termine il progetto “Strumenti di tutela dei diritti umani e delle minoranze nazionali nella Repubblica di Croazia con particolare riferimento alla Comunità Nazionale Italiana autoctona”. Da quattro anni a questa parte ho raccolto in formato digitale tutti gli atti giuridici internazionali (plurilaterali e bilaterali), nazionali, regionali e locali, reperibili nelle “Gazzette ufficiali” dello Stato e nei “Bollettini ufficiali” delle Regioni e delle autonomie locali (e quindi nella maggior parte in lingua croata) riguardanti i diritti umani e delle minoranze nazionali in Croazia (e in particolare della Comunità Nazionale Italiana autoctona). Tutto il materiale in lingua croata e, se disponibile, in lingua italiana è stato sistematizzato a seconda della gerarchia delle fonti giuridiche, partendo da quelle di grado superiore per giungere a quelle di grado inferiore. La raccolta inizia con il capitolo relativo ai rapporti multilaterali, ovvero con i trattati internazionali e gli altri documenti di cui la Repubblica di Croazia è parte contraente, sistematizzati in sottocapitoli a seconda delle fonti giuridiche, ossia delle istituzioni internazionali che li hanno adottati e cioè: 
-le Nazioni Unite (sottocapitolo che conta finora 11 atti, reperiti nella “Gazzetta ufficiale” dello Stato nel testo originale in lingua inglese e nella traduzione in lingua croata, mentre ci si è premurati di tradurre i testi in italiano);
-l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura – UNESCO (sottocapitolo contenente finora 12 atti, di cui 8 reperiti nel testo originale in lingua inglese e 4 nella “Gazzetta ufficiale” dello Stato nel testo originale in lingua inglese e nella traduzione in lingua croata, mentre le traduzioni in italiano non sono state ancora fatte);
-il Consiglio d’Europa (sottocapitolo costituito finora da 17 atti, pubblicati nella “Gazzetta ufficiale” dello Stato nel testo originale in lingua inglese e nella traduzione in lingua croata, mentre le traduzioni in italiano non sono state ancora eseguite).
Inoltre, quale sottocapitolo a parte figura l’insieme delle 3 Convenzioni di Vienna concernenti il diritto dei trattati internazionali e la successione degli Stati (pubblicati nella “Gazzetta ufficiale” dello Stato nel testo originale in lingua inglese e nella traduzione in lingua croata, mentre le traduzioni in italiano non sono state ancora fatte).
La raccolta prosegue con il capitolo relativo ai rapporti bilaterali, ovvero riguardante i trattati internazionali e gli accordi bilaterali tra la Repubblica di Croazia (Repubblica Popolare Federativa di Jugoslavia / Repubblica Socialista Federativa di Jugoslavia) e la Repubblica Italiana di particolare interesse per la Comunità Nazionale Italiana autoctona, suddiviso in due sottocapitoli e cioè:
-i trattati internazionali e gli accordi bilaterali tra la Repubblica Popolare Federativa di Jugoslavia / Repubblica Socialista Federativa di Jugoslavia e la Repubblica Italiana (contenente finora 14 atti, tutti reperiti nella banca dati delle Nazioni Unite in formato pdf e cioè riprodotti nel loro testo originale in lingua inglese);
-i trattati e gli accordi bilaterali tra la Repubblica di Croazia e la Repubblica Italiana (che conta finora 13 atti, pubblicati nella “Gazzetta ufficiale” dello Stato nel testo originale in lingua croata, dei quali 8 sono stati tradotti in italiano).
Segue il capitolo relativo alla legislazione nazionale della Repubblica di Croazia, suddiviso in 6 sottocapitoli e cioè:
-la Costituzione, le leggi ordinarie e gli altri atti del Parlamento croato (contenente finora 61 atti, pubblicati nella “Gazzetta ufficiale” dello Stato, dei quali 3 sono stati tradotti in italiano);
-gli atti della Corte costituzionale della Repubblica di Croazia (di cui fa parte finora solamente il Regolamento interno della Corte costituzionale pubblicato nella “Gazzetta ufficiale”);
-gli atti del Governo, dei vari Ministeri e dell’amministrazione statale della Repubblica di Croazia (che conta per ora 52 atti, pubblicati nella “Gazzetta ufficiale” dello Stato);
-gli atti del Consiglio per le minoranze nazionali (contenente finora 14 atti, pubblicati nella “Gazzetta ufficiale” dello Stato);
-gli atti della Regione Istriana e della Regione Litoraneo-Montana (contenente gli Statuti delle due Regioni, pubblicati nei “Bollettini ufficiali” delle Regioni);
-gli atti delle unità d’autogoverno locale della Regione Istriana e della Regione Litoraneo-Montana (che dovrebbe contenere gli Statuti delle autonomie locali -Città e Comuni- nelle due Regioni, che prescrivono una tutela particolare della Comunità Nazionale Italiana autoctona; da segnalare che ci siamo rivolti a tutte le amministrazioni locali con la richiesta di fornirci il proprio Statuto nel testo ufficiale, riuscendo però a ottenere soltanto alcuni testi statutari).
Ad oggi, la raccolta comprende complessivamente 396 atti (198 in croato e 198 in italiano, di cui vanno ancora reperiti 6 atti in croato e 28 in italiano) e cioè 5.006 pagine di testo (di cui 3.894 in croato, 150 in italiano e 962 pagine in inglese)
In riferimento al capitolo relativo alla legislazione interna croata, si è già provveduto con la cernita, atto per atto, delle disposizioni giuridiche (incentrate sui diritti dell’uomo e delle minoranze nazionali in Croazia) da tradurre in lingua italiana; si tratta di 109 atti legislativi per complessive 276 pagine di testo da tradurre in italiano; il tutto andrà completato, naturalmente, con le disposizioni delle autonomie regionali e locali riguardanti specificatamente la Comunità Nazionale Italiana. Dalla disponibilità finanziaria dipenderà la pubblicazione complessiva o parziale di singoli capitoli, sottocapitoli e atti prescelti e che dovrebbe costituire la nuova pubblicazione del Centro di ricerche storiche di Rovigno.
Sarebbe alquanto auspicabile far proseguire il lavoro, completando il materiale con la sistematizzazione degli atti giuridici che riguardano i diritti umani e delle minoranze nazionali anche nella Repubblica di Slovenia, e poi accorparvi pure la normativa giuridica della Repubblica Italiana concernente la Comunità Nazionale Italiana in Croazia e Slovenia, al fine di poter offrire un quadro complessivo degli ambiti giuridici in cui ci troviamo ad operare quale minoranza nazionale autoctona.
Come riporta il titolo stesso, questa raccolta non ha un approccio né analitico né critico della normativa giuridica in vigore. L’intento è di fornire documentazione agli addetti ai lavori e di offrire una fonte d’informazione strutturata e valida a tutti coloro che sono interessati a conoscere la legislazione positiva croata in materia, il che di per sé potrebbe costituire la base non soltanto per definire il livello di tutela della Comunità Nazionale Italiana autoctona nella Repubblica di Croazia, ma anche e soprattutto per richiederne l’effettiva attuazione, come pure per richiedere dei miglioramenti (modifiche e integrazioni) delle disposizioni in vigore ritenute manchevoli, non consoni alle esigenze reali dell’appartenente alla Comunità Nazionale Italiana e della Comunità stessa, intesa quale corpo collettivo. 
Il progetto è stato presentato nel numero 54 del bollettino del Centro, “La Ricerca”, nell’articolo dal titolo “La tutela giuridica della Comunità Nazionale Italiana autoctona in Croazia” (pp. 15-17).
III. In questi quattro anni mi è stato assegnato il compito di leggere e correggere:
-le “Relazioni sul lavoro svolto” che ogni sei mesi vengono inoltrate all’Ufficio per le minoranze nazionali del Governo della Repubblica di Croazia; si tratta di circa 10-12 pagine, che vengono preparate e inviate ogni sei mesi al Governo della Repubblica di Croazia;
-i “Programmi di lavoro e piani finanziari” per ogni singolo anno d’attività, in italiano e croato; si tratta di circa 12-14 pagine, che vengono preparate e inviate ogni anno agli organi competenti dei finanziatori del Centro.
IV. Da segnalare che ho portato a termine il compito di preparare:
-una tabella di statistica e riepilogativa inerente tutta l’editoria del Centro di ricerche storiche dalla sua fondazione ad oggi, che riporta i dati salienti di tutte le pubblicazioni (con rispettivi anni di pubblicazione, numero di volumi, pagine e autori) e che è stata pubblicata sul sito internet del Centro;
-una proposta di Contratto di deposito e cura dei registri di sepoltura del Cimitero di Rovigno, che successivamente è stato sottoscritto dal Centro di ricerche storiche e dal Servizio comunale di Rovigno s.r.l.;
-una proposta di “Statuto del Centro di ricerche storiche di Rovigno”; si tratta di un testo comparativo tra le disposizioni vigenti e le nuove che vengono proposte, che conta 25 pagine; e
-una proposta di “Norme editoriali del Centro di ricerche storiche” che, dopo una disamina da parte di tutti i redattori responsabili delle singole collane, stabilisce le disposizioni a cui attenersi e da applicare a tutte le pubblicazioni del Centro (si tratta di un testo di 4 pagine). 
V. In questi quattro anni, sono varie le richieste che ho redatto (e che successivamente sono state inoltrate all’Unione Italiana) , tra le quali, vanno segnalate:
a) la richiesta di trasferimento della proprietà dell’immobile sito in via Porta Sottomuro no.11 a Rovigno, edificato sulla particella catastale 1101 del comune catastale di Rovigno, iscritto nella partita tavolare no. 3136/726 del comune catastale di Rovigno;
b) la richiesta d’erogazione dei mezzi finanziari al Centro di ricerche storiche di Rovigno dal “fondo di rotazione” dell’Unione Italiana di Fiume;
c) le richieste d’avvio dei procedimenti per la realizzazione dei seguenti progetti:
-“manutenzione della sede del Centro di ricerche storiche”;
-“Atlante storico dell’Adriatico orientale”;
-“Istria nel tempo”, edizione slovena;
-“L’italiano in Istria: strutture comunicative” di Federico Simcic;
-“500 lachi dell’Albonese: raccolte d’acqua presenti ed estinte” di Claudio Pericin;
-“Architettura tradizionale in Istria” di Roberto Starec. 
VI. Ritengo superfluo e inutile riportare altri compiti ed impegni che sono stati portati a termine con il contributo comune e assieme ai colleghi di lavoro.

Nota. 
La somma di pagine raccolte, sistematizzate, lette e corrette e in minima parte scritte è di 8.202. 

 
hrvatskiitaliano

Manifesti

Vox populi

Il sito web è indipendente, in costante aggiornamento e soggetto ad ampliamento. Questo spazio è libero, gratuito e a disposizione di tutti coloro che vogliono rendere pubblica la propria opinione e che, purtroppo, non sono riusciti ad ottenere un riscontro positivo da parte dei mezzi d'informazione presenti sul territorio istro-quarnerino.

I pareri, le proposte, le idee, i commenti vanno inviati alla seguente e-mail:

voxpopuli@silvanozilli.com

 


Get the Flash Player to see this player.