Home Appunti - Bilješke Il tribunale non si è pronunciato sul merito della controversia, abbiamo presentato un regolare ricorso alla Corte suprema
Il tribunale non si è pronunciato sul merito della controversia, abbiamo presentato un regolare ricorso alla Corte suprema PDF Stampa E-mail
Scritto da Zilli   
Venerdì 02 Gennaio 2015 13:57

Ai sensi degli articoli 40, 41, 42 e 46 della Legge sui mass media (“Gazzetta ufficiale” n. 59 del 10.05.2004, n. 84 del 20.07.2011 e n. 81 del 29.06.2013), con riferimento al Comunicato stampa del Presidente della Giunta esecutiva dell’Unione Italiana, reso pubblico sui mezzi d’informazione della Comunità Nazionale Italiana in Croazia e Slovenia (vedi: http://www.editfiume.com/lavoce/politica/11051-tremul-siamo-quello-che-sappiamo-costruire), Silvano Zilli, Gianclaudio Pellizzer, Astrid Del Ben e Marino Budicin, Presidente della Comunità degli Italiani “Pino Budicin” di Rovigno, a nome della stessa, ritengono necessario esprimere la seguente Precisazione:

1. Silvano Zilli, Gianclaudio Pellizzer e Astrid Del Ben (che da tre anni e non da pochi mesi non è Presidente della Comunità degli Italiani “Pasquale Besenghi degli Ughi” di Isola) hanno presentato un’istanza al Tribunale competente in data 27 giugno 2014 (quindi prima del 29 giugno, giorno delle elezioni dell’Unione Italiana) e non il 30 giugno 2014 come riportato nel Comunicato.

2. La dichiarazione di Maurizio Tremul circa la respinta della nostra istanza (con la quale si richiede di annullare la delibera di convalida della sua terza candidatura consecutiva) non è corretta. La nostra denuncia è stata rigettata per motivi procedurali ed è in corso il processo di appello, e quindi poiché si tratta di una decisione che non è passata in giudicato, non vogliamo commentarla, come del resto è prescritto dalla legge. Pertanto anche in questo caso il commento sulla decisione del tribunale rappresenta una pressione sul sistema giudiziario e nel contempo una manipolazione dell’opinione pubblica, il che, in nessun caso, a differenza di Maurizio Tremul, non vogliamo fare. Va sottolineato che il Tribunale non si è pronunciato sul merito della controversia, ma per motivi procedurali ha ritenuto di non dover decidere. Riteniamo utile informare l’opinione pubblica che il procedimento non è concluso, e quindi abbiamo presentato un regolare ricorso alla Corte suprema, e se poi sarà necessario, presenteremo un regolare ricorso anche alla Corte costituzionale, sulla base delle nostre convinzioni e nel pieno rispetto delle vigenti disposizioni di legge.

3. Quello che possiamo dire è che nella nostra istanza abbiamo richiesto al Tribunale di determinare l’irregolarità della candidatura di Maurizio Tremul alla funzione di Presidente della Giunta esecutiva dell’Unione Italiana considerato che in base allo Statuto sono consentiti solo due mandati consecutivi, mentre Maurizio Tremul ha ricoperto tale funzione nei mandati quadriennali 2006-2010 e 2010-2014, e quindi la sua candidatura al terzo mandato consecutivo non doveva essere convalidata dalla Commissione elettorale centrale dell’Unione Italiana. Da rimarcare che Maurizio Tremul dal 1991 a oggi, per ben 23 anni consecutivi, sta ricoprendo una delle due massime cariche dell’Unione Italiana.

4. In merito al paragrafo del Comunicato stampa che riporta giudizi personali, critiche, denunce, offese, insinuazioni e quant’altro, riteniamo che si commenti da sé. L’istanza da noi inoltrata al Tribunale competente è parte dell’iter legittimo e legale da noi assunto per e nel corso delle elezioni del 29 giugno 2014 e quanto fatto e detto in merito ad essa non rientra nel novero di quelli che MaurizioTremul definisce “strumenti della calunnia, di disinformazioni e di menzogne”, tanto meno noi abbiamo espresso tali cose in merito alla sua famiglia e ai suoi più stretti collaboratori.

Cogliamo l’occasione per formulare i migliori auguri per un felice e sereno 2015 a tutti.

Silvano Zilli

Gianclaudio Pellizzer

Astrid Del Ben

Marino Budicin, Presidente della Comunità degli Italiani “Pino Budicin” di Rovigno

 

Nota.

Attenendoci al criterio di Maurizio Tremul di segnalare accanto alle persone citate anche le loro funzioni, riportiamo qui di seguito l’elenco delle sue funzioni, incarichi e responsabilità attuali:

1. presidente della Giunta esecutiva dell’Unione Italiana (incarico ricoperto anche dal 1991 al 2002, mentre dal 2002 al 2006 ricopriva la funzione di presidente dell’Assemblea);

2. coordinatore della Consulta dell’Associazione degli appartenenti alla Comunità Nazionale Italiana “Unione Italiana” in Slovenia (dal 1998);

3. titolare dei settori “Economia” (dal 2010), “Finanze e bilancio” (dal 2006) e “Affari giuridico-amministrativi, rapporti con le Comunità Autogestite della Nazionalità Italiana (CAN), con i Consigli per la minoranza italiana e i rappresentanti politici della Comunità Nazionale Italiana (CNI)” (dal 2010) della Giunta esecutiva dell’Unione Italiana;

4. presidente dell’Attivo consultivo permanente dei deputati e dei consiglieri delle autonomie locali appartenenti alla Comunità Nazionale Italiana (dal 2010), istituito dall’Unione Italiana;

5. presidente dell’Attivo consultivo permanente degli imprenditori privati, degli operatori e dei dirigenti economici della Comunità Nazionale Italiana (dal 2010), istituito dall’Unione Italiana;

6. membro dell’Assemblea dei soci della società “Finistria” s.r.l. di Fiume (dal 1994), di cui l’Unione Italiana è fondatrice;

7. responsabile legale della pubblicazione “Bollettino ufficiale dell’Unione Italiana”;

8. membro del Comitato di coordinamento per le attività a favore della Comunità Nazionale Italiana in Croazia e Slovenia, istituito dal Ministero degli Affari Esteri italiano (dal 1995);

9. membro del Tavolo tecnico da istituirsi presso il Ministero degli Affari Esteri italiano al fine di redigere la Legge d’interesse permanente ovvero Legge quadro dello Stato italiano in favore della Comunità Nazionale Italiana in Croazia e Slovenia;

10. membro della Commissione permanente interministeriale per l’attuazione dell’Accordo tra la Repubblica di Croazia e la Repubblica Italiana sui diritti delle minoranze, istituita ai sensi dell’Accordo Radin-Sanader/Kosor;

11. rappresentante della Comunità Nazionale Italiana in seno al Consiglio della RTV di Slovenia (dal 2006);

12. membro del Tavolo di lavoro sulle minoranze all’interno della Commissione mista della Repubblica di Slovenia e della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia per il trattamento delle questioni comuni di sviluppo (dal 2002);

13. membro del Comitato di pilotaggio per l’Interreg III A/Phare CBC Slovenia-Italia (dal 2008);

14. vicepresidente del Consiglio direttivo della Società “Dante Alighieri” di Capodistria;

15. ecc.

 

Nel campo dell’euro-progettazione ha coordinato la stesura ed ha svolto il compito di progettista, per conto delle istituzioni della Comunità Nazionale Italiana, di oltre una trentina di progetti nell’ambito di varie programmazioni a valere sui fondi europei.

 

Da costatare che:

-dal 1997 al 2005 è stato fiduciario del CONI in Slovenia per l’Unione Italiana;

-dal 1998 al 2006 è stato membro della Presidenza della Comunità Autogestita della Nazionalità Italiana di Capodistria;

-dal 1999 al 2006 è stato vicepresidente della Comunità Autogestita Costiera della Nazionalità Italiana di Capodistria;

-dal 2001 al 2003 è stato presidente del Comitato di sorveglianza della “Otium” s.p.a. con sede a Verteneglio, cantina vinicola costituita e partecipata dall’Unione Italiana per la produzione e commercializzazione di vini istriani tipici;

-dal 2002 al 2005 è stato membro del Consiglio di programma dei Programmi Italiani di Radio e TV Capodistria;

-dal 2004 al 2005 è stato Direttore f.f. della “Fineuro” s.r.l. di Capodistria, fondata dalla Comunità Autogestita Costiera della Nazionalità Italiana di Capodistria;

-dal 2004 al 2007 è stato membro del Consiglio di amministrazione della Joint-Venture italo-slovena “IS Collaborazione Economica” s.r.l. di Gorizia, partecipata dalla “Fineuro” s.r.l. di Capodistria;

-dal 2005 al 2007 è stato Direttore f.f. del Centro Italiano di Promozione, Cultura, Formazione e Sviluppo “Carlo Combi” di Capodistria, fondato dalla Comunità Autogestita Costiera della Nazionalità Italiana di Capodistria;

-fino al 27 febbraio 2008, ha ricoperto la funzione di membro dell’Assemblea dei soci dell’Agenzia Informativa Adriatica (AIA) s.r.l. di Capodistria;

-fino al 28 luglio 2008, ha ricoperto la funzione di rappresentante dell’Unione Italiana nell’Assemblea della società commerciale “Centro di promozione dell’imprenditoria” s.r.l. di Pirano;

-è stato membro del Comitato di controllo della società commerciale “Aegida” s.r.l. di Capodistria;

-è stato membro del Comitato tecnico permanente istituito ai sensi della Legge regionale del Friuli Venezia Giulia n. 16 del 16 agosto 2000 – Interventi per il recupero, la conservazione e la valorizzazione delle testimonianze e del patrimonio storico, artistico e culturale di origine italiana nell’Istria, nel Quarnero e nella Dalmazia e altre iniziative di collaborazione transfrontaliera e transnazionale;

-è stato membro del gruppo di lavoro per l’attuazione del “Programma di risanamento e di rilancio dell’Ente giornalistico-editoriale EDIT di Fiume”;

-ecc.

 

Da sottolineare inoltre che, nell’ambito delle elezioni amministrative in Slovenia che si sono svolte il 22 ottobre e il 12 novembre 2006:

-si è ricandidato alla funzione di membro del Consiglio della Comunità Autogestita della Nazionalità Italiana di Capodistria, piazzandosi all’11 posto (su un totale di 11 candidati, che gareggiavano per i 9 posti a disposizione nel Consiglio della CAN);

-ha presentato la propria candidatura ad uno dei tre seggi garantiti alla comunità nazionale italiana nel Consiglio municipale della Città di Capodistria, piazzandosi al 4 posto (su un totale di 5 candidati, che gareggiavano per i 3 posti nel Consiglio municipale).

 
hrvatskiitaliano

Manifesti

Vox populi

Il sito web è indipendente, in costante aggiornamento e soggetto ad ampliamento. Questo spazio è libero, gratuito e a disposizione di tutti coloro che vogliono rendere pubblica la propria opinione e che, purtroppo, non sono riusciti ad ottenere un riscontro positivo da parte dei mezzi d'informazione presenti sul territorio istro-quarnerino.

I pareri, le proposte, le idee, i commenti vanno inviati alla seguente e-mail:

voxpopuli@silvanozilli.com

 


Get the Flash Player to see this player.